▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...
InnovationCity

Le piccole aziende agricole diventano più sostenibili con il biogas

I vantaggi raggiungibili da un’azienda agricola che sceglie di installare un impianto biogas: non solo integrazione del reddito a beneficio delle attività stesse, ma anche la valorizzazione degli stessi scarti per la produzione di energia direttamente usufruibile.

AgriFoodTech

Sebigas si è presentata a Fieragricola, la fiera di riferimento per tutte le specializzazioni del settore agricolo, con una proposta dedicata alle piccole e medie imprese. Il comparto agricolo riveste un ruolo fondamentale in Italia e sta alla base dell’intera filiera agroalimentare. Le aziende di questo settore sono per la maggior parte a conduzione familiare e di dimensioni medio-piccole.

In Italia sono operativi più di 1800 impianti di biogas (di questi circa 1.500 in ambito agricolo). Potenzialmente il nostro Paese potrebbe produrre al 2030 fino a 8,5 miliardi di metri cubi di biometano, pari a circa il 12-13% dell'attuale fabbisogno annuo di gas naturale.

Ora anche queste piccole realtà imprenditoriali possono diventare produttori di biogas e sfruttarne i vantaggi, dotandosi di un impianto che sia proporzionatoalle dimensioni aziendali.Sebigas, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di impianti di biogas, ha più di 80 impianti all’attivo di cui il 75% di referenze in ambito agricolo e zootecnico. La società amplia il portfolio prodotti presentando impianti modulari disponibili nelle taglie 50, 75, 100, 150, 200, 250, 300 kW, e progettati da un team di ingegneri esperti e qualificati.

Ciò che contraddistingue gli impianti Sebigas è la presenza di componenti standardizzati, tarati sulle specifiche capacità dell’allevamento. Un impianto di questo tipo ha molteplici vantaggi perché richiede un investimento iniziale contenuto, ha ridotti tempi di autorizzazione e consegna, è di semplice costruzione e manutenzione e si integra con le strutture esistenti in azienda. Gli impianti di piccola taglia possono essere alimentati coi soli reflui aziendali e sono progettati per massimizzarne la resa energetica, fornendo all’azienda agricola una nuova fonte di reddito.

"Il settore agricolo si trova in un momento di svolta. La transizione ecologica è diventata una necessità sempre più impellente anche e soprattutto per questo settore. Qui a Fieragricola abbiamo l’occasione di presentare i nostri impianti di piccola taglia e di fornire al segmento dei piccoli e medi allevamenti una soluzione conveniente, di rapida autorizzazione e di facile installazione per portare reddito all’azienda. Il nostro obiettivo, come società specializzata nella progettazione, è quello di fornire ai nostri clienti un impianto che possa essere un valore aggiunto per l’azienda agricola ed uno strumento di supporto al loro business" afferma Federico Torretta, general manager Sebigas.

I vantaggi nel produrre biogas sono calcolabili e certi. Grazie al nuovo impianto l’azienda può iniziare a produrre internamente l’energia elettrica necessaria per gli autoconsumi, oppure immetterla in rete e farne quindi fonte di reddito. Può recuperare il calore in esubero per le necessità termiche dei processi aziendali come il riscaldamento della stalla, piuttosto che della sala di mungitura, ecc; può utilizzare il digestato prodotto dall’impianto come fertilizzante. Dal punto di vista autorizzativo, soprattutto per le taglie più piccole, l’iter è molto più snello e consente di arrivare alla fase di cantiere in tempi molto più rapidi.

Una referenza significativa è quella di Debo, azienda agricola del cuneese con circa 2000 bovini da carne e con un impianto in funzione dal 2015, dalla potenza installata di 300 kW e alimentato con i soli reflui zootecnici dell’azienda stessa. L’azienda agricola, grazie all’impianto installato, garantisce un risparmio di circa 1.900 tonnellate di CO2 equivalente non immesse in atmosfera ogni anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di InnovationCity.it iscriviti alla nostra Newsletter Gratuita.

Related news

Ultime Notizie

Tetra Pak: dai cartoni per bevande alle soluzione per esterni firmate…

Grazie alla collaborazione tra le due aziende, i cartoni per bevande assumono un nuovo valore dopo il riciclo, all’interno di un prodotto pregiato e performante.

RCYL, nasce la bicicletta in plastica dal riciclo delle reti da pesca

RCYL è una city bike interamente realizzata con rifiuti di plastica. Realizzata per il 50% con vecchie reti da pesca, RCYL è, ad oggi, la prima bicicletta…

Ricerca LinkedIn: i recruiter ritengono che l'intelligenza artificiale…

Oggi 3 professionisti del recruiting su 5 a livello globale sono ottimisti riguardo all'impatto dell'AI sul settore del recruiting. I recruiter affermano…

Epson quadruplica la capacità produttiva delle testine di stampa inkjet

Con un investimento di 5,1 miliardi di yen, Epson quadruplica la capacità produttiva per far fronte alla costante crescita della domanda di stampanti…

Notizie più lette

Chemours pubblica il Bilancio di Sostenibilità 2023

Il rapporto mostra come le partnership di Chemours aiutano a promuovere la gestione ambientale e la responsabilità sociale

Cybersecurity, debutta il premio alla migliore azienda del settore sicurezza

Si alza il sipario sulla prima edizione del premio 'Italian Security Awards' dedicato al mondo della sicurezza. Da oggi, fino al 22 luglio potete votare…

Empoli FC scopre i nuovi talenti calcistici grazie all’AI generativa di…

Si chiama Talent Scouting ed è un progetto realizzato con IBM, Computer Gross e la squadra toscana Empoli FC. Di fatto un innovativo strumento di intelligenza…

Ecobonus auto 2024: dopo l'elettrico ora tocca alle altre

Il 76% di chi ha intenzione di acquistare nel 2024 una vettura nuova o usata utilizzando gli incentivi opterà per una vettura benzina (34%), diesel (21%)…

Iscriviti alla nostra newsletter

Join our mailing list to get weekly updates delivered to your inbox.

Iscriviti alla newsletter