▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...
InnovationCity

Upfield lancia la prima vaschetta senza plastica e riciclabile al mondo per i suoi burri di origine vegetale e le sue creme spalmabili

L'innovazione di Upfield, in collaborazione con Footprint, porta sugli scaffali dei supermercati una soluzione di carta riciclabile, resistente all'olio e priva di plastica per alcuni dei suoi marchi più iconici.

Nuovi materiali Business Wire
  • L'innovazione di Upfield, in collaborazione con Footprint, porta sugli scaffali dei supermercati una soluzione di carta riciclabile, resistente all'olio e priva di plastica per alcuni dei suoi marchi più iconici.
  • Il lancio ha avuto inizio con successo in Austria con il marchio Flora Plant di Upfield alla fine del 2023, mentre altri mercati e marchi europei seguiranno quest'anno.
  • Upfield persegue l'ambizione di sostituire fino a due miliardi di vaschette di plastica entro il 2030, equivalenti a più di 25.000 tonnellate di rifiuti in plastica all'anno.
  • L'introduzione della vaschetta in carta senza plastica rappresenta per Upfield un passaggio critico in direzione del suo ambizioso obiettivo di ridurre la plastica dell'80% entro il 2030 in tutto il suo portafoglio.

AMSTERDAM: Upfield, leader globale nell'ambito degli alimenti di origine vegetale, ha annunciato oggi il lancio della prima vaschetta senza plastica e riciclabile al mondo per i suoi burri di origine vegetale e creme spalmabili.

Dopo quattro anni di innovazione in collaborazione con Footprint, MCC e Pagès Group, questo lancio segna l'inizio del passaggio di Upfield verso una soluzione in carta all'interno del suo portafoglio, in linea con l'obiettivo dell'azienda di ridurre il contenuto di plastica dell'80% entro il 2030.

Inizialmente lanciata in Austria con Flora Plant verso la fine del 2023, Upfield prevede un'ulteriore adeguamento alla soluzione cartacea, con l'obiettivo di sostituire fino a due miliardi di vaschette di plastica entro il 2030, pari a oltre 25.000 tonnellate di rifiuti plastici all'anno.

Queste vaschette di carta all'avanguardia sono state sviluppate con il team di ricerca e sviluppo di Upfield, utilizzando la tecnologia di Footprint in ambito di scienze dei materiali. Le vaschette sono realizzate in fibre di carta umida compressa, sono impermeabili, resistenti all'olio e riciclabili nei flussi di rifiuti cartacei locali. La vaschetta ha ricevuto la certificazione Conventional Plastic Free e utilizza carta proveniente da un fornitore certificato PEFC. Upfield prevede che l'imballaggio otterrà la certificazione di compostabilità domestica entro il 2025.

David Haines, CEO del gruppo per Upfield, ha dichiarato; "In qualità di leader mondiale nel settore degli alimenti di origine vegetale, prendiamo sul serio la nostra responsabilità di esercitare un impatto positivo sul pianeta. A livello globale, il 40% di tutta la plastica prodotta è destinata a imballaggi che vengono utilizzati una sola volta e poi gettati, ed è chiaro che il problema dei rifiuti di plastica è uno dei più cruciali per l'ambiente. Quando abbiamo fondato Upfield, la nostra ambizione era quella di innovare in modo da poter prescindere dalle vaschette di plastica e sono molto orgoglioso di tutti i dipendenti Upfield che continuano a lavorare per raggiungere questo obiettivo. Oggi i consumatori chiedono prodotti che siano vantaggiosi sia per le persone che per il pianeta. I nostri burri vegetali e le nostre creme spalmabili fanno esattamente questo. Siamo entusiasti della possibilità di lanciare questo prodotto attraverso i nostri marchi più iconici in alcuni dei nostri principali mercati".

A differenza di numerose soluzioni di imballaggio in carta, le vaschette in carta di Upfield non contengono un rivestimento in plastica e quindi possono essere riciclate assieme ad altri rifiuti domestici di carta e cartoncino, secondo quanto verificato da una società di riciclaggio leader in Europa.

Karina Cerdeira, Direttrice packaging per Upfield, ha affermato: "Siamo orgogliosi di aver creato assieme a Footprint una vaschetta innovativa in carta durevole, resistente all'olio e accattivante, che molti pensavano fosse impossibile da realizzare. Ma dopo anni di lavoro da parte dei team di ricerca e sviluppo di Upfield e Footprint e decine di prototipi, abbiamo reso possibile l'impossibile. Questa nuova vaschetta in carta segna un punto di svolta per gli imballaggi sostenibili e riduce significativamente la dipendenza dalla plastica. Continueremo a spingere i confini attraverso ulteriori innovazioni per raggiungere la compostabilità, sviluppare nuove dimensioni e formati e perfezionare la soluzione ottimale. Ci auguriamo che i risultati raggiunti ispirino altre aziende a continuare a perseguire un cambiamento positivo".

Yoke Chung, Co-fondatore e Responsabile di tecnologia e innovazione per Footprint, ha aggiunto: "L'impegno di Footprint per un pianeta più sostenibile è dimostrato dalla nostra collaborazione con Upfield. L'introduzione di una soluzione rivoluzionaria, in collaborazione con Upfield, definisce uno standard pionieristico per il settore. Questo segna l'introduzione della prima vaschetta di carta resistente agli oli per creme spalmabili a base vegetale. Siamo orgogliosi di collaborare con Upfield in questo sforzo trasformativo, che risponde al nostro obiettivo comune di assistere i clienti nella realizzazione dei loro obiettivi di sostenibilità. Questo sforzo di collaborazione sottolinea l'influenza trasformativa dell'innovazione nel promuovere un cambiamento ambientale positivo per plasmare a un futuro più luminoso per tutti".

Per mantenersi aggiornati sul percorso fatto, è possibile seguire @UpfieldGlobal sui social media o visitare il sito Upfield.com.

Informazioni su Upfield

Upfield è un leader globale nel settore degli alimenti a base vegetale, attivo in quattro categorie: burri e creme spalmabili, creme, liquidi e formaggi. Negli ultimi quattro anni, Upfield ha intrapreso un percorso volto a separare, stabilizzare, trasformare e cambiare la sua piattaforma, che oggi rappresenta un esempio unico nel settore degli alimenti a base vegetale - integrando la portata storica con l'ambizione di crescita futura. Ci basiamo sui nostri grandi marchi, che raggiungono un elevato indice di potere del marchio rispetto ai marchi di beni di consumo più diffusi in tutti i nostri mercati chiave. I nostri marchi si sviluppano partendo da un retaggio di 150 anni di conoscenza degli alimenti a base vegetale, da una profonda esperienza nell'ambito di ricerca e sviluppo, da 15 stabilimenti di produzione nei cinque continenti e da una catena di fornitura end-to-end che garantisce il miglior servizio e la migliore consegna per i nostri clienti e consumatori. I processi, i prodotti e le persone di Upfield si integrano per creare un'azienda in cui il nostro portafoglio e il nostro scopo sono completamente allineati. www.upfield.com

Informazioni su Footprint

Footprint è un'azienda globale di scienza e tecnologia dei materiali con un chiaro obiettivo di creare un pianeta più sano e persone più sane. La nostra missione consiste nel fornire soluzioni per eliminare la plastica monouso dalla nostra catena alimentare. Gli ingegneri di Footprint utilizzano la tecnologia delle fibre vegetali per progettare, sviluppare e produrre prodotti a base biologica. Footprint si sta rapidamente espandendo in nuove categorie con soluzioni personalizzate e brevettate per i clienti. Grazie alla collaborazione con i principali marchi di consumo globali, i prodotti di Footprint hanno già portato a una riduzione a livello mondiale di milioni di chili di rifiuti di plastica, evitando che vengano abbandonati nell'ambiente.

Footprint è stata fondata nel 2014 e conta du circa 2.000 dipendenti, con operazioni negli USA, in Messico, Europa e Asia. Footprint è stata inserita nella lista "Brands that Matter" di Fast Company nel 2022, nella lista "Disruptor 50" della CNBC nel 2021 e nella lista "Change the World" di Fortune nel 2020.

Per ulteriori informazioni sulle soluzioni sostenibili di Footprint, visitare il sito www.footprintus.com.

MCC Labels fornisce l'etichetta per la vaschetta in carta e Pagès le apparecchiature (sistema robotizzato) per applicarla.

Informazioni su MCC Verstraete

MCC Verstraete possiede oltre 30 anni di esperienza nel settore della stampa offset di etichette per lo stampaggio a iniezione, il soffiaggio e la termoformatura. La sua vasta conoscenza dei materiali, l'innovazione e la sostenibilità hanno reso MCC Verstraete un leader mondiale in quest'ambito, con la produzione di oltre 60 milioni di etichette IML ogni giorno per numerosi segmenti dell'industria del packaging. La spinta innovativa ha recentemente portato allo sviluppo di due nuove categorie di prodotti: oltre alle etichette IML in polipropilene, MCC Verstraete offre il Molded Fiber Labeling™ e la sigillatura fustellata in PP termosaldata. MCC Verstraete dispone di siti di produzione in Belgio, Australia e Stati Uniti. Assieme a MCC Korsini (Turchia) e Karydakis IML SA (Grecia), MCC Verstraete forma la Business Unit IML all'interno di Multi-Color Corporation.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito iml.mcclabel.com/en.

Informazioni su Pagès Group

Pagès Group è un'azienda globale con oltre 40 anni di esperienza nell'ambito delle soluzioni di decorazione e automazione a valle per l'industria degli imballaggi. Il gruppo ha filiali in Francia, nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti, in Canada e Cina. Fino ad oggi, sono stati installati più di 3000 sistemi di automazione in oltre 45 paesi. Abbiamo sviluppato inoltre il Molded Fiber Labeling (MFL™), una tecnologia di decorazione leader a livello mondiale per decorare i contenitori stampati in fibra per un imballaggio sostenibile e straordinario. Per saperne di più sulle soluzioni di automazione del Gruppo Pagès, visitare il sito www.pagesgroup.net o seguire la nostra pagina su LinkedIn.

Informazioni su EMSUR

EMSUR è la business unit di Grupo Lantero che fornisce soluzioni di imballaggio flessibile rivolte principalmente al settore alimentare e delle bevande, dei prodotti per la casa e della cura della persona, con laminazione e stampa in rotocalcografica che flessografica.

Attualmente l'azienda dispone di impianti di produzione in Europa e in America, che le consentono di sviluppare la propria attività in oltre 80 Paesi tra America, Europa, Africa e Asia. Emsur produce quasi 600 milioni di metri quadrati all'anno di sleeve, coperchi, banner, etichette, fustelle, buste e altri prodotti flessibili.

L'innovazione, ottenuta grazie al lavoro del team e degli stabilimenti di Innotech, è uno dei principali pilastri dell'azienda. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.emsur.com.

Fonte: Business Wire

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di InnovationCity.it iscriviti alla nostra Newsletter Gratuita.

Related news

Ultime Notizie

14 ospedali italiani tra i migliori al mondo. Il Policlinico Gemelli di…

Secondo la classifica World's Best Hospitals 2024, di Newsweek e Statista, sono quattordici gli ospedali italiani (6 in Lombardia e nessuno al sud) che…

Incentivo per la ricarica elettrica domestica? Cosa serve veramente

ARERA propone la possibilità di aumentare la potenza notturna e nei giorni festivi del contatore a 6 kW, mantenendo il contratto di energia elettrica…

L'l’asfalto del futuro? Con i pneumatici fuori uso

L'attività di ricerca di Greentire, anche in sinergia con prestigiosi enti e atenei, ha dimostrato che il polverino di gomma, oltre alle fibre contenute…

Il Diritto D’autore è sotto attacco di ChatGpt. Ecco perché lo dobbiamo…

In questo contributo, a cura di Valerio Pastore, Founder e CEO di Cyber Grant, viene esaminato il tema scottante del rapporto tra l'Intelligenza Artificiale,…

Notizie più lette

14 ospedali italiani tra i migliori al mondo. Il Policlinico Gemelli di…

Secondo la classifica World's Best Hospitals 2024, di Newsweek e Statista, sono quattordici gli ospedali italiani (6 in Lombardia e nessuno al sud) che…

Incentivo per la ricarica elettrica domestica? Cosa serve veramente

ARERA propone la possibilità di aumentare la potenza notturna e nei giorni festivi del contatore a 6 kW, mantenendo il contratto di energia elettrica…

Il Diritto D’autore è sotto attacco di ChatGpt. Ecco perché lo dobbiamo…

In questo contributo, a cura di Valerio Pastore, Founder e CEO di Cyber Grant, viene esaminato il tema scottante del rapporto tra l'Intelligenza Artificiale,…

L'l’asfalto del futuro? Con i pneumatici fuori uso

L'attività di ricerca di Greentire, anche in sinergia con prestigiosi enti e atenei, ha dimostrato che il polverino di gomma, oltre alle fibre contenute…

Iscriviti alla nostra newsletter

Join our mailing list to get weekly updates delivered to your inbox.

Iscriviti alla newsletter